Birra artigianale e birra industriale: 7 differenze. Seconda parte

Quante sono le differenze tra birra artigianale e birra industriale? Sette. Eccole!

Da un primo confronto tra birra artigianale e birra industriale è emerso che vi sono quattro differenze fondamentali, tanti quanto gli ingredienti essenziali per produrre birra. Non è finita qui. Tra questi due mondi, apparentemente simili ma di fatto opposti, ci sono ancora tante altre differenze. Almeno altre tre. Curiosi? Prendete appunti, stiamo per svelarvele!

Birra artigianale come nemesi di birra industriale.

Oggi la birra artigianale ha una sua definizione normativa ma non è sempre stato così. Originariamente, per questioni di praticità – e per mancanza di alternative – la birra artigianale si è affermata come antitesi della birra industriale. Un paragone poco ortodosso, rivelatosi tuttavia estremamente efficace per dare alla birra artigianale una propria identità. La quinta differenza risiede dunque nella percezione del fenomeno.

L’industriale è fredda, di nome e di fatto.

Ed ecco la sesta differenza: le modalità di consumo. La birra artigianale preferisce, anzi pretende il servizio nel bicchiere di vetro più appropriato a seconda dello stile consumato. Anche la temperatura di servizio è una variabile fondamentale: il servizio corretto la vuole al limite fresca ma mai fredda. L’industriale, al contrario, deve essere stipata nel freezer e bevuta rigorosamente ghiacciata. Così ci hanno insegnato quei diabolici geni del marketing: convincendoci di farci un favore, in realtà ci anestetizzavano le papille gustative, rendendole insensibili a qualsiasi sapore. E il bicchiere? Preistorico! Molto meglio consumare la birra a canna direttamente dalla bottiglia, rigorosamente di vetro verde. In caso contrario risultereste poco sexy. Perlomeno così dicono.

E la settima differenza?

Beh, la settima e ultima differenza la trovate nel bicchiere poco prima di iniziare a bere. Vi state appropinquando a bere birra industriale? Dimenticatevi sapori e odori che rendono tanto affascinante la birra artigianale. Tutto quello che troverete è un vago sentore di cereali, mais per la maggior parte, con un amaro erbaceo a bilanciare. Le bollicine sono il tratto distintivo: la birra industriale contiene tanta di quella anidride carbonica aggiunta artificialmente che bevendola rischiate di gonfiarvi come una mongolfiera.

E ancora: cosa si nasconde dietro birra industriale?

Gli antiossidanti sono protagonisti invisibili del “teatro degli orrori”. Sono loro che garantiscono la lunghissima data di scadenza. Assieme a loro il processo di pastorizzazione, che elimina qualunque traccia di microorganismi viventi, costituisce la formula dell’eterna giovinezza. Al consumatore di birra industriale verrà a mancare anche l’apporto di enzimi, di cui il malto industriale è povero. E di tutto il popò di roba che non troverete mai nella birra industriale, ne vogliamo parlare? Spezie, frutta, erbe officinali e chi più ne ha più ne metta. Tanti ingredienti per tanti stili, capaci di soddisfare i gusti di chiunque. La birra artigianale è un caleidoscopio di aromi e sapori sempre diversi. La birra industriale è invece sempre uguale: minime – impercettibili – variazioni rendono ogni etichetta identica a tutte le altre.

La birra industriale non è ancora andata al tappeto? Ecco il colpo del ko!

Imbottigliamento, conservazione e distribuzione. Anche questi processi costituiscono importanti differenze tra i due prodotti. Inutile scendere nel dettaglio, ormai l’avrete capito: la birra artigianale è completamente diversa dalla birra industriale e le differenze vanno ben oltre il numero di sette.

Ecco svelate le differenze tra birra artigianale e birra industriale. Adesso non avete più scuse per sbagliare: andate e bevete come si deve!

Avreste mai detto che le differenze tra birra artigianale e birra industriale potessero essere così tante? secondo voi ce ne siamo dimenticata qualcuna?


No Replies to "Birra artigianale e birra industriale: 7 differenze. Seconda parte"


    Got something to say?

    Some html is OK

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.