Birra a pompa: siamo seri, esiste!

La birra a pompa è una tecnica per spillare birra senza CO2. Un classico dei pub anglosassoni, il modo migliore per assaporare le tradizionali real ale.

Oggi vi sveliamo un segreto: la “spina” non è l’unico modo per spillare birra. Neppure il più naturale, a dire la verità, visto che l’anidride carbonica utilizzata per far fuoriuscire il liquido dal fusto rende sì più frizzante la birra ma contemporaneamente ne altera il corpo. Non preoccupatevi, non c’è bisogno di fare l’espressione da Urlo di Munch. Per fortuna esistono metodi alternativi per spillare birra senza CO2.

Direttamente dai paesi anglosassoni vi presentiamo la birra a pompa!

Di origine anglosassone, sta rapidamente prendendo piede anche nel Belpaese questo sistema di spillatura che consente di gustare la birra nella sua totale naturalezza. La birra a pompa è chiamata così in quanto sostituisce la classica spina con un sistema basato sul movimento meccanico della pompa. Facendo leva si produce la pressione necessaria per far uscire la bevanda. Si tratta, quindi, di un sistema interamente naturale, tipico delle real ale anglosassoni, anticamente conservate in botte – oggi molto raramente – e oggi nei caratteristici cask. Il risultato è una birra dal corpo morbido, setoso, tondo e avvolgente. Qualche tempo fa anche noi abbiamo avuto la nostra birra a pompa. Stiamo parlando della Shepherd Neame Christmas Ale. Chi l’ha provata sa di cosa stiamo parlando.

La cosa più bella – e buona – è che la birra a pompa è “in evoluzione”.

Con questa affermazione non intendiamo paragonare la birra a un Super Sayan che sale di livello. Intendiamo invece dire che, a differenza della birra in fusto, la birra a pompa è generalmente cask conditioned, ovvero rifermentata all’interno del cask. Questo significa che il publican ha una grande responsabilità: deve infatti sapere quando è il momento giusto per aprirla e come gestire la pressione per conservarla in condizioni ottimali. Non è mica facile!

Spesso chi viaggia in Gran Bretagna rimane sconcertato da pinte di birra servite calde – in realtà a temperatura ambiente – e senza schiuma. Bé, cari Rintanati, è normale: sono proprio quelle le real ale delle quali abbiamo accennato.  Una tradizione che ancora resiste, grazie anche al duro lavoro dell’associazione chiamata CAMRA (Campaign for Real Ale).

Avete mai provato qualche birra a pompa? preferite questa tecnica di spillatura o rimanete fedeli alla classica spina?


1 Reply to "Birra a pompa: siamo seri, esiste!"


Got something to say?

Some html is OK

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.