Bicchieri birra: uno, nessuno e centomila

La birra artigianale è una ma ne esistono infinite sfumature. E altrettanti sono i bicchieri birra.

Forse non ci crederete ma quello dei bicchieri birra è un vero e proprio culto. Parafrasando Kuaska, il guru della birra artigianale italiana, “la birra non esiste, esistono le birre”.  Mai parole furono più vere. Sappiamo, anche solo per sentito dire, che esiste la birra artigianale, diversa da quella industriale del supermercato. La differenza risiede in colore, sapore e odore. Ma non basta. Perché la birra artigianale è una grande famiglia all’interno della quale convivono una varietà pressoché infinita di stili birrari. Parlare di birra artigianale, dunque, non è sufficiente. Bisogna entrare nello specifico. Oggi iniziamo un percorso di approfondimento e lo facciamo iniziando dai bicchieri birra.

Se la vuoi la bevi ma se la ami utilizzi i giusti bicchieri birra.

Se la birra è il nostro traguardo, i bicchieri birra sono lo strumento necessario per raggiungerlo. Destinazione finale? Godere della birra nel massimo del suo splendore. Partiamo dal presupposto che il bicchiere, qualunque esso sia, è fondamentale per bere una birra. Il primo scopo è consentire alla birra di rilasciare l’anidride carbonica in eccesso, discorso valido soprattutto per le birre alla spina e quelle rifermentate in bottiglia. Dopodiché il bicchiere è un passepartout che libera odori e sapori intrappolati nella prigione di vetro chiamata bottiglia, lasciando che il bouquet si possa mostrare in tutto il suo splendore.

Regola generale: basse con gli alti, alte con i bassi.

Partiamo dalle macrofamiglie principali, ovvero basse e alte fermentazioni. Quanto segue va preso con le pinze, in quanto esistono molte eccezioni. Valga tuttavia come regola generale: le basse vengono servite in bicchieri stretti e slanciati mentre le alte preferiscono bicchieri bassi con orlo svasato. C’è un motivo. Le basse fermentazioni hanno un bouquet più pulito, determinato da una minore presenza di esteri del lievito. Il loro profilo organolettico è più delicato e abbisogna di un bicchiere stretto che ne “trattenga” gli aromi. Le alte fermentazioni sono invece molto più piene e l’orlo svasato serve proprio per esaltare il profilo aromatico. Entrambe le famiglie vogliono, anzi pretendono bicchieri birra che favoriscano la formazione e la tenuta di un bel cappello di schiuma. La schiuma infatti, contrariamente a quello che ci hanno insegnato, è vitale: protegge la birra dal contatto con l’aria e la conseguente ossidazione.

Ovviamente non finisce qui. E’ un percorso lungo ma alla fine impareremo a riconoscere tutti i bicchieri birra. Non abbiate fretta: la birra non scappa ma pazientemente attende di essere compresa, sedotta e bevuta.

Conoscevate la funzione dei bicchieri birra? quanti e quali conoscete?


No Replies to "Bicchieri birra: uno, nessuno e centomila"


    Got something to say?

    Some html is OK

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.